16 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

Under 16: una piccola riflessione...

27-11-2014 15:06 - News Generiche
Forse è opportuno partire ancora una volta dall´abc, da qualche pillola essenziale di psicologia del collettivo/squadra della pallavolo. Reduce da un "sentito" incontro di campionato, dove la nostra under 16, pur imponendosi su di una diretta avversaria, non riusciva a sviluppare il proprio gioco fornendo una prestazione non solo densa di errori nell´applicazione di alcuni fondamentali ma, fatto preoccupante, esibendo un atteggiamento completamente privo di energia e d´incisività.
Non voglio addentrarmi in questioni tecniche che altri possono e devono sviscerare. Mi limiterò invece a evidenziare un´incongruenza emersa anche nell´ultimo incontro e, pertanto, recidiva: il rapporto tra l´atleta e l´errore. Capita spesso, quasi fosse un aspetto naturale, di notare che l´atteggiamento in campo dell´atleta di fronte ad un proprio errore è di giustificarsi, addossando la responsabilità alla compagna piuttosto che all´arbitro o a qualsiasi altra variabile che possa aver influito. Sbagliare è naturale, talmente naturale che anche i campioni più vincenti e i nazionali sbagliano.
La cosa da fare dopo un errore è capire quali sono state le cause dell´errore stesso ed essere determinate a non commetterlo nuovamente. L´atteggiamento adeguato e opportuno da parte delle compagne sarà quello di rincuorare e incoraggiare chi ha sbagliato. Assolutamente negative sono invece le atlete che fanno pesare l´errore commesso rendendo la compagna più nervosa e distraendola dalle azioni successive. Fondamentale è riprendersi subito, predisporsi con serenità e volontà al momento successivo dell´incontro, consapevoli che non si possa, o si debba, incorrere nella stessa disattenzione o sbaglio. L´errore è sempre da condividere come si condivide la gioia di un punto o di una vittoria, non è mai da scaricare sul singolo atleta che può essere anche l´artefice finale. Talvolta, infatti, lo stesso può essere il risultato di meccanismi a cascata che derivano da più azioni o interventi sbagliati.
Ricordiamolo ancora, la pallavolo è un autentico sport di squadra, dove è fondamentale conoscere e applicare un intenso spirito di squadra. I risultati si ottengono solo dalle sinergie del gruppo e dalla sincera condivisione di comuni obiettivi. E questo è un primo punto da non dimenticare.
Mi rendo conto, e credo che un buon allenatore come Davide Ambrosi, attento agli aspetti e alle dinamiche del gruppo, possa condividerlo, che la gestione del gruppo in una squadra femminile, soprattutto se adolescente, sia molto complessa. La cosa dipende anche dal fatto che le ragazze non sentono solo la competizione ma hanno una spiccata sensibilità su questioni extra sportive che possono generare aggressività e rivalità. Ed anche il contrario. Portarsi i propri problemi personali in palestra, come sul campo di gara, ad esempio, sottrae attenzione ed energie psicofisiche al lavoro individuale e di squadra. Detto questo, le sole cose che possono limitare questi atteggiamenti e comportamenti sono la motivazione al gioco, la volontà di superare se stesse e i propri limiti.
Una ragazza ben motivata, anche se non eccelsa dal punto di vista tecnico, riesce a dare alla squadra più di quello che ci si potrebbe aspettare e in questo trascina anche le compagne. Per questo credo sia una cosa molto intelligente non basare il sestetto solo sulle capacità tecniche e fisiche delle atlete ma fare moltissima attenzione anche all´aspetto motivazionale, a una più che adeguata considerazione degli aspetti psicologici nella gestione del gruppo, ovviamente rapportata alle richieste del campo.
In questa direzione credo si debba lavorare ancora un poco, un mirato in questo caso "work in process" tale da poter far coincidere "coesione" con "motivazione", alimentando l´autostima in ogni componente della squadra perché ritengo e credo sia giusto ribadirlo che l´under 16 della Carrarese Volley.2 è una squadra molto più forte e molto più brava di quella vista l´altra sera nella tensostruttura di Sarzana, al di là dell´opaca, deludente, frustrante ma comunque vittoriosa prestazione contro la Pallavolo Sarzanese. E chiudo questo noioso pistolotto prendendo in prestito una semplice frase che sicuramente vale più di mille vuote parole, dedicata dal coach Ambrosi alle ragazze della sua e nostra under 16: "Mettetevelo in testa una volta per tutte, siete brave!" (e.f.)

Foto gallery

Sponsor

[]
[]
[]

METEO CARRARA

MAURIZIA CACCIATORI

[]
Una di NOI

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account